Agriumbria comunicati stampa
 
 
COMUNICATO N.4 AGRIUMBRIA 2016

Comunicato  4

I punti critici che permangono nella zootecnia – fa presente il Presidente di Umbriafiere S.p.A.,  Lazzaro Bogliari – richiedono soluzioni in grado di ottimizzare, sul piano economico e tecnico, i processi produttivi dei prodotti zootecnici, sia che avvengano nelle singole aziende che nelle filiere agroalimentari.

La 48° edizione di Agriumbria (1-2-3 aprile 2016 – Quartiere fieristico di Bastia Umbra – PG) rappresenta una opportunità per individuare moduli di gestione degli allevamenti che possano essere trasferiti nelle diverse realtà territoriali grazie alla intersettorialità e alla interdisciplinarietà di alcuni settori portanti per la zootecnia, quali la meccanizzazione della filiera agro-zootecnica, la mangimistica e l’educazione alimentare, con iniziative promozionali rivolte alle scolaresche e al pubblico.

Un filo conduttore delle tre giornate che Agriumbria 2016 propone con una selettiva presenza di modelli di cantieri di lavoro, a iniziare dalla gestione degli allevamenti sino al confezionamento dei prodotti.

La manifestazione umbra intende dare una risposta al susseguirsi di messaggi allarmistici sul consumo di carme rossa e di prodotti lattiero-caseari,  non  supportati da una corretta informazione scientifica.

Agriumbria, “Polo delle carni italiane”, rappresenta oggi più che mai un’occasione per puntualizzare che il settore zootecnico italiano, con le differenti specie e razze, ha puntato sulla qualità e sulla nutraceutica con costi inevitabilmente più onerosi, ma che trovano una valida motivazione nella sicurezza e nella garanzia della produzione.

L’alimentazione zootecnica fornita dai prati-pascoli, dalla fienagione, dalla produzione di cereali e leguminose indenni da micotossine, trova nelle aree espositive di Agriumbria un’ampia proposta di moduli di meccanizzazione che consentono di ottenere materie prime nei tempi e nei modi richiesti per ottimizzare il rapporto alimentazione e salubrità del prodotto zootecnico.

Materie prime che sono alla base di una mangimistica controllata e di elevate proprietà nutritive che le numerose e prestigiose industrie mangimistiche propongono con formulati innovativi in grado di esaltare le componenti organolettiche e sensoriali.

 Ufficio Stampa Agriumbria    075.8004005  

AGRIUMBRIA: ZOOTECNIA E TECNOLOGIA È QUI IL FUTURO DELL’AGRICOLTURA
11 Ottobre 2019
Agriumbria 2020 presentata questa mattina ad Agrilevante (Bari) la fiera di ...
cerca